Bagno, ma quanto mi costi…

Secondo un’indagine lanciata da Habitissimo nel 2016, la stanza da bagno è l’ambiente più ristrutturato nelle case dei nostri connazionali. Dato confermato anche per l’anno in corso. In particolare nel 2016 sono state pubblicate circa 7.000 richieste di preventivo per adeguamenti e ristrutturazioni del bagno, con un aumento di quasi il 30% rispetto all’anno precedente, mentre nel primo trimestre del 2017 già si evidenzia un ulteriore aumento del 10% per le richieste sempre inerenti la stanza da bagno.

 

In generale i lavori che vengono effettuati più frequentemente sono cambiare la vasca con doccia (70%) e la sostituzione dei sanitari (30%). Per esempio sostituire i sanitari costa circa 900 euro (ovviamente dipende dalla marca e dal modello) e ci si impiega meno di tre giorni. Esistono diversi tipi di ristrutturazione, quella integrale ad esempio che prevede il rifacimento del pavimento, delle pareti, la sostituzione dei sanitari ed il completo rifacimento dell’impianto idraulico ed elettrico. Si considera che, per un bagno di circa 4 mq, utilizzando materiali medi si parte da una spesa di circa 4.000 euro (senza IVA). La ristrutturazione parziale invece riguarda piccoli interventi come per esempio la sostituzione del mobilio oppure dei sanitari, o sostituire la vasca con la doccia. Esistono inoltre degli interventi che non prevedono la demolizione. Il costo per demolire e smaltire un bagno arriva fino a 35 €/mq, a cui vanno aggiunti i costi per il rifacimento dei nuovi rivestimenti. Mentre se si vuole evitare il fastidio e gli inconvenienti di una ristrutturazione si può decidere di utilizzare un materiale come il cemento resina che si applica direttamente alle superfici esistenti (costo circa 80€/mq.) Si possono invece eseguire interventi rapidi ed economici per le costruzioni a secco avvalendosi ad esempio del cartongesso idrofugo, utilissimo e molto pratico, utilizzato per costruire controsoffitti e mobili su misura (a partire da circa 30€/mq).

 

www.habitissimo.it

Navigate