Belle. Luxury. E Vegan

Nel 2013 Paola Caracciolo ha fondato Opificio V Milano, la prima azienda italiana di calzature li lusso cruelty free. L’idea nasceva da un’esigenza personale: Paola, responsabile marketing per una catena di supermercati, era vegana per scelta e non trovava sul mercato delle proposte che unissero rispetto per gli animali e stile.  Da qui il desiderio di fondare un marchio che potesse rispondere alle esigenze sue e di tanti altri consumatori: “Già nel 2012 decisi di iscrivermi ad un master dedicato a chi lavora  sui beni di lusso e a fine anno ho deciso di aprire Opificio V Milano. Il nome che ho scelto voleva richiamare l’artigianalità, l’italianità e, ovviamente, il fatto che fossero Vegan”.

 

 

Con il tempo Opificio V Milano è diventato punto di riferimento per la produzione di queste calzature, in Italia e all’estero, non solo per chi cercasse un prodotto vegano. Il brand firma collezioni da donna e da uomo, realizzate con materiali rispettosi dell’ambiente e degli animali, caratterizzate da un’eleganza e una cura estetica tipiche del Made in Italy; con Opificio V Milano infatti collaborano i più importanti distretti calzaturifici italiani. I materiali utilizzati sono frutto di un’attenta ricerca tanto etica quanto tecnologica, e garantiscono alle scarpe comodità, eleganza e resistenza: dai più tradizionali lino, cotone cerato e legno, a materiali più innovativi come l’Alcantara a zero emissioni di CO2 e l’ ecopelle derivata dagli scarti della produzione di cereali in coltivazioni no food. La collezione primavera-estate 2018 vedrà impiegate anche la pellemela, ottenuta dai torsoli delle mele scartati dalle industrie agroalimentari e cellulosa pura al 100%.  Oggi, dopo quattro anni, Opificio V Milano si rilancia e si internazionalizza. Si presenta con il nome Nemanti Milano, rimanendo però fedele ai principi e ai valori che ne hanno caratterizzato il successo e la storia. Tra le novità, anche la presenza di un nuovo socio: il business angel Sebastiano Cossia Castiglioni, proprietario della nota cantina toscana di vini Querciabella, che da diversi anni investe con successo nel mondo vegan.  I prossimi obiettivi sono una linea giovane e la piccola pelletteria cruelty free.

Navigate