Il Check-In visto da un designer

 

 

Martedì 20 giugno, dalle ore 19,30, presso il locale milanese COST ristorante e lounge in Via Tito

Speri 8 Milano, verrà presentato il libro “2904 Check-in”, firmato da Marco Bonetto,

designer milanese, attento osservatore degli stili di vita della gente e fine umorista.

Bonetto, da oltre 40 anni in viaggio fra i quattro angoli del globo, per raggiungere i propri clienti,

oltre che per piacere, e ha trascorso buona parte delle proprie giornate e della propria vita negli

aeroporti di tutto il mondo e in volo: viaggi a volte piacevoli, talvolta faticosi e pieni di imprevisti,

che con il suo spirito autoironico ha affrontato e affronta sempre in modo positivo e allegro. Un

viaggiatore sempre armato di trolley, fido compagno di viaggio con il quale ha percorso centinaia di

chilometri sui suoli aeroportuali: un frequent flyer anomalo che rifiuta questo status pur vestendolo

alla perfezione. Da anni scrive una sorta di diario per non dimenticare questi scorci di vissuto, avventure ordinarie e straordinarie, condite da spunti ironici e divertenti su ciò che vive e osserva fra cielo e terra.

Questo libro è nato come semplice memoria personale, appunti da rileggere in anni più tranquilli e

stanziali. Oggi si è trasformato invece in un libro fruibile e tutti – edito da Edizioni del Faro, aperto

dalle prefazioni di cari amici, il presentatore e comico Beppe Braida e il poeta e scrittore impegnato

Biagio Arixi – e dedicato a raccogliere fondi di beneficenza attraverso l’Associazione Rodolfo

Bonetto Onlus, fondata in memoria di Rodolfo Bonetto, uno dei padri storici del design italiano

nonché padre di Marco che ne ha ereditato la professionalità e l’english humor.

Il libro “2904 Check-in” e il progetto di beneficenza connesso verranno presentati in uno speciale evento mondano in cui il mondo del design, dell’imprenditoria, della

cultura e dello spettacolo si incontreranno per una giusta causa. La serata, ricca di ospiti e di sorprese, sarà dedicata al buon umore e al sorriso: sarà l’occasione

infatti per regalare gioia e felicità anche ad altre persone, con una raccolta fondi benefica a favore di Fondazione Ariel, ente no profit che dal 2003 aiuta le famiglie con bambini con paralisi

cerebrale e disabilità neuromotorie.

Navigate