Tengo famiglia

E se la famiglia è quella Fumagalli, che da tre generazione guida la Candy e che ha investito 70 milioni di euro per il piano industriale, bè, direi che la garanzia di un percorso ottimale ci sta tutta. E infatti, il 2016 è stato un anno da record per Candy Group, che ha chiuso il bilancio 2016, con il superamento della soglia storica del miliardo di euro di ricavi (con l’obiettivo di raddoppiare, fino a 2 miliardi, entro cinque anni!). Durante la conferenza stampa tenutasi questa mattina a Milano, il CEO Beppe Fumagalli ha presentato i ricavi consolidati, pari a 1,035 miliardi di Euro e in crescita del +10%(la crescita è del 13,2% se riconciliata per l’effetto valute), rispetto al 2015 con un Ebit del 4,7%, e pari a oltre 48 milioni di Euro. Candy ha fatto segnare un significativo rialzo nella quota di mercato detenuta in Europa dove ha registrato, rispetto al 2015 secondo GFK, un incremento della quota del 20% diventando il Gruppo che cresce maggiormente tra i principali operatori del mercato degli elettrodomestici. Tra i fattori di successo, evidenziati da Aldo Fumagalli, la forte innovazione e spinta tecnologica, che vede il Gruppo Candy come first mover e leader assoluto nella connettività applicata agli elettrodomestici e nelle Smart Appliances, dove detiene in termini di quote di mercato il 46,8% in Italia, il 61,9% in Francia e il 44,6% in Russia. Il protagonista nelle immagini è dunque il   forno Watch&Touch, con porta display interamente full touch per gestire ogni momento della preparazione del cibo attraverso un semplice tocco. Prodotto unico e altamente tecnologico, il forno Candy Watch&Touch con Total Control Screen rappresenta la massima espressione della connettività Candy simply-Fi, la tecnologia Wi-Fi adottata su una intera gamma di elettrodomestici che permette di gestire comodamente tutti i prodotti attraverso una semplice app.

 

Navigate