Rilassar m’è dolce in queste acque

No, non sono i lettini che abbiamo visto nel film di Avatar. Stiamo invece parlando di Zerobody & Nu Rèlax, progetto multi-piattaforma di Starpoolk che fonde wellness e neuroscienze, e ridefinisce l’idea stessa di benessere, con molteplici possibilità di applicazione per l’universo corporate. Sviluppato in collaborazione con Neocogita – società di servizi per il brain wellness, impegnata in ricerche sperimentali sulla millenaria tradizione meditativa, aggiornata attraverso studi scientifici e test neurologici – il progetto combina i benefici della dry floating experience su lettino Zerobody con i sei percorsi guidati di meditazione disponibili su App Nu Rèlax: Relax, Stabilità, Creatività, Calma, Brillantezza, Lucidità.  Il risultato: mindfulness a gravità zero, per un benessere aziendale verificabile e sempre più accessibile. Zerobody è un lettino per il dry floating di ultima generazione che offre i benefici delle vasche a immersione, annullando il peso corporeo, senza la necessità di doversi bagnare, proponendosi così per un uso sempre più facile e allargato. È in grado di indurre una serie di effetti psicologici e fisici che sono associati alla cosiddetta relaxation response, che è l’opposto dello stress response. Molto curato nel design, grazie al progetto di Cristiano Mino, Zerobody si basa su un materasso ad acqua riscaldato, che avvolge dolcemente il corpo, restituendo la sensazione di fluttuare su di una nuvola.  Durante l’esperienza, l’organismo smette di regolare la temperatura corporea e l’assetto gravitazionale, la percezione dei confini corporei si annulla quasi totalmente e il controllo volontario si assopisce: il corpo è libero di produrre endorfine, gli ormoni neurotrasmettitori del benessere. La dry floating experience su Zerobody favorisce e amplifica la condizione fisica ideale in cui la mente può concentrarsi nel proprio allenamento meditativo, seguendo i sei percorsi guidati e scientificamente testati della App Nu Rèlax, disponibile di serie sui lettini. Se non siete ancora convinti, provate a chiedere alle decine di persone (comprese numerose giornaliste che hanno “rischiato” di addormentarsi, tanto si sono rilassate nei dieci minuti di prova) che durante l’ultimo Salone hanno avuto l’opportunità di provare Zerobody & Nu Rèlax.

Navigate