Si fa presto a dire “cantina”

Dal 2014, le cantine che vedete in queste immagini, e che si trovano a Canelli, sono diventate patrimonio dell’umanità Unesco. Queste, in particolare, sono le cantine di Bosca, azienda che da sei generazioni lavora e produce vini e spumanti con metodo classico, per il 95% venduti in tutto il mondo (anche in India, e in paesi musulmani, grazie ad un procedimento top secret che ha permesso all’azienda di realizzare dei “vini” non alcolici). Le cantine, che si estendono sotto tutta Canelli, per oltre 20 km e che comprendono quattro importanti case vinicole, sono state devastate dall’alluvione del ’94, evento che ha visto, solo per Bosca, un milione di bottiglie letteralmente spazzate via dall’acqua. Un percorso davvero straordinario, fra luci al LED altamente suggestive, installazioni artistiche e degustazioni che abbinano i vini Bosca alla grande tradizione gastronomica piemontese. Da segnare in agenda!

Navigate